5 consigli per il cambio dell'armadio

Quando arriva il cambio stagione, arriva anche il momento di pensare al temutissimo cambio dell'armadio. Adesso che gli ultimi scampoli d'estate stanno per volgere al termine, è arrivato il momento di tirare fuori cappotti, maglioni e pantaloni lunghi e di mettere via tutta la roba estiva in scatole e contenitori vari. Se ogni volta questa procedura ti sembra sempre più faticosa e ti senti scoraggiata ancor prima di cominciare, munisciti di carta e penna e segnati questi consigli utilissimi per effettuare il cambio dell'armadio senza troppa fatica.

1. Non rimandare Potrebbe sembrare un consiglio banale, ma rimandare il cambio stagione non fa altro che farti aumentare la fatica. Ridursi all'ultimo minuto è assolutamente controproducente, perché non solo avrai sempre meno voglia di farlo, ma non avrai nemmeno i vestiti di stagione a portata di mano. Di conseguenza sarai costretta a comprarne altri, che si mischieranno ai capi che hai attualmente nell'armadio, creando così un vero e proprio caos. Due volte l'anno, quindi, prenditi tutto il tempo ed effettua il cambio stagione. I periodi migliori sono i mesi di aprile/maggio per cambio dell'armadio in vista dell'estate e il mese di settembre per il cambio armadio invernale.

2. Svuota tutto l'armadio Il primo passo da compiere per il cambio armadio è quello di svuotarlo completamente. Man mano che togli i vestiti dall'armadio dividili già per stagione invernale e per stagione estiva, anche se non sono piegati perfettamente non importa, ma basta che siano già divisi in due mucchi. In questo modo farai meno fatica quando li andrai a riporre. Inoltre, avendo l'armadio completamente vuoto, potrai renderti conto di quanto spazio hai effettivamente a disposizione e di come potrai organizzarlo in maniera ottimale. Adesso che hai tutti i vestiti fuori, ti sarai sicuramente resa conto ti quanti capi hai e di cosa ti manca per la prossima stagione, perché ci sarà sicuramente qualcosa che ti manca! Inoltre, sarai sicuramente stupita di avere tutti questi vestiti, ammettilo di qualcuno ti eri proprio dimenticata!

3. Effettua una pulizia generale Il secondo passo da compiere per effettuare un cambio stagione ad hoc è quello di pulire l'armadio internamente; sicuramente non avrai pensato a spolverarlo durante il resto dell'anno quindi questo è l'unico momento che puoi effettuare una belle pulizia. Munisciti di un panno in microfibra e dell'acqua calda con un goccio di sgrassatore delicato e passa alla pulizia degli interni, cassetti e mensole comprese. Lascia asciugare perfettamente e se desideri puoi appendere dei sacchetti profuma biancheria.

4. Valuta cosa tenere e cosa buttare Il momento del cambio stagione è quello ideale anche per valutare quali sono i capi da tenere, da buttare o dare via. A volte è difficile separarsi da alcuni capi, ma se ormai non ti vanno più o sono rovinati, è proprio il momento di lasciarli andare.

5. Riponi il tutto in maniera ordinata Adesso la domanda che ti porrai è: come organizzo il tutto? La maniera più semplice e ordinata per sistemare l'armadio è quello di dividerlo in sezioni: quindi ad ogni capo il suo spazio. Inoltre, per facilitarti il compito, potresti già suddividere il tutto per occasione: vestiti per casa, per lavoro, per uscire. In questo modo ti sarà molto più facile creare i diversi look per ogni occasione. Per quanto riguarda i vestiti da mettere via fino al prossimo cambio stagione, munisciti di tante scatole e dopo averli lavati e asciugati, riponili separandoli già per categoria. Così sarà tutto molto più semplice quando dovrai fare il prossimo cambio stagione!

Leggi di più →

Crea il proprio stile straordinario

Nel mondo in cui viviamo oggigiorno, la moda occupa un posto veramente importante nelle vite dei giovani, soprattutto. Si cerca di apparire, di mettersi in mostra, di stare al passo con i tempi. È vero che la moda fornisce indicazioni sull'abbigliamento e influenza molto le scelte dei giovani, ma ognuno dovrebbe avere un proprio stile. Ti piace indossare abiti comodi e lasciare da parte le cose sofisticate? Quello che fa per te è lo stile casual, che andava di moda soprattutto negli anni 90 e ora rientrato in voga. Questa guida si pone l'obiettivo di dare dei consigli per far sì che ognuno trovi uno stile personale d'abbigliamento.

Ecco sono i nostri consigli utili:

  • Il primo passo è quello di non concentrarsi solamente sulle tendenze del momento, ma ampliare gli orizzonti acquistando un capo d'abbigliamento classico. Si, è vero che la moda è la moda, ma l'abbigliamento evergreen non esce mai di scena. Infatti, non può mai mancare nel guardaroba un cappotto o una borsa stile classico. Il classico non ha tempo infatti, lo stile casual degli anni 90, veste a pieno i panni del classico.
  • Il secondo consiglio è quello di puntare sulla semplicità. Se si è indecisi su cosa indossare in una determinata occasione, importante o meno, è meglio scegliere qualcosa di semplice, che non sia troppo ma neanche poco. Se non si riesce a trovare un abbinamento giusto per una cerimonia, ad esempio, è bene scegliere qualcosa di semplice, che non sia troppo appariscente ma che sia, al tempo stesso, abbastanza elegante.
  • Il terzo consiglio, dedicato soprattutto alle donne, è quello di puntare sugli accessori. Chi segue la moda sa bene che gran parte dell'apparenza è data dal "contorno" non tanto dal vestito. Quindi, dopo aver scelto l'abbigliamento ideale per l'occasione, è utile abbinare i gioielli adeguati, e quindi una collana, qualche bracciale e un bel paio di orecchini. Tra gli accessori femminili troviamo anche la borsa, qualcosa per i capelli e una cintura. Ma se non si è abituati a portare più accessori, il consiglio è quello di indossarne uno alla volta per abituarsi all'idea.
  • Il quarto consiglio si chiama "il terzo elemento". Questa regola vale soprattutto se si sceglie di indossare un outfit basico. Infatti, se il look preferito è di tipo minimal, un terzo capo che sia differente da tutto il resto, che "spezzi", fa decisamente la differenza. È proprio questo "qualcosa in più" che definisce lo stile. Ad esempio, indossando un jeans stretto, largo, a zampa d'elefante, a vita alta o in qualsiasi altro modo, e un maglione molto semplice, il terzo elemento che completa il look è un cappotto che risalti all'occhio perché particolare. Il terzo accessorio può essere anche una clutch o semplicemente un paio di tacchi che fanno la differenza. Lo stile casual anni 90 suggerisce come terzo elemento una borsa colorata o un accessorio stravagante.
  • Il quinto consiglio è quello di puntare sui brand giusti, scegliendo le marche che sono di moda. Ovviamente questo è un suggerimento secondario perché, come ben sappiamo, un cappotto di marca o una borsa griffata hanno dei costi alti, a volte anche eccessivi. Ma il proprio stile non è dettato dalla marca, bensì dal saper abbinare i capi giusti. Questo vale a dire che si può essere alla moda anche non spendendo cifre elevate.
Ancora qualche indicazione I passi da seguire per creare un proprio stile d'abbigliamento sono tanti. È fondamentale prestare attenzione alle etichette dei capi per evitare di rovinarli durante il lavaggio. È bene utilizzare le temperature giuste per evitare che il maglione si infeltrisca, che la maglia si rimpicciolisca o che semplicemente i capi si rovinino. Le scarpe giocano un ruolo fondamentale nello stile, ma sono sempre un dilemma per le donne: flat o tacchi? È la situazione in questione a scegliere la scarpa giusta, ad esempio per un evento importante è bene indossare un tacco per essere più eleganti, e così via. Perché non optare per uno stile fashion streetwear? Questo non è altro che uno stile d'abbigliamento casual che andava in voga negli anni 90 e utilizzatissimo dai giovani contemporanei.
Leggi di più →

Un look sporty chich tutto bianco

Se sei alla ricerca di uno stile di tendenza, sei nel posto giusto: a seguito ti verranno mostrati diversi consigli per creare un abbinamento unico e alla moda. Il colore bianco non è soltanto correlato al tipico abito da sposa, ma è anche sinonimo di eleganza, raffinatezza e soprattutto stile. Non è però semplice da abbinare rispetto agli altri colori. Il bianco è sicuramente chic, ma questa sua connotazione può essere attenuata indossando capi d'abbigliamento sportivi, ma comunque di gran classe. Questo tipo di outfit non passa di certo inosservato anche perché l'abbinamento può risultare complesso, tuttavia dona una bellezza inappagabile a colei che lo indossa. Il look risulterà, al contempo, alla moda.

Nuove tendenze

Una vera e propria tendenza, che si sta diffondendo negli ultimi anni e che sta affiancando lo stile sporty chic, é il fashion streetwear. Quest'ultima versione è stata definita come moda urbana, un abbigliamento più casual, che ha vestito i migliori cantanti italiani e giovanili che hanno fatto la storia, tra i quali Marracash e Guè Pequeno. Come già anticipato poco fa, lo stile sporty chic prevede che ad un capo elegante venga abbinato uno sportivo. Il primo abbigliamento può variare dalle magliette ai pantaloni o semplicemente agli accessori. È particolarmente usato da influencer come Chiara Ferragni o altre attrici e cantanti, quali Selena Gomez. In particolare, in questo articolo verrà consigliato come riprodurne uno, totalmente bianco e alla moda.

Cosa e come abbinare

  • Primo passo: devi, prima di tutto, scegliere l'abbigliamento che va maggiormente di moda. A seconda della stagione, di conseguenza, la tipologia di tessuto varierà. Ad esempio, l'inverno sarà dominato da un look chic e glamour in lana, mentre in estate sarà prevalente l'uso del cotone leggero. Quindi, è bene individuare un capo da dover successivamente abbinare ad un altro, sportivo o chic, a seconda del primo. Inoltre, sono consigliate le felpe e le tute per le giornate uggiose, oppure i sandali e le t-shirt per quelle afose.
  • Secondo passo: dopo aver scelto con accortezza gli elementi del tuo outfit, sarà necessario controllarne i colori. Infatti, un contrasto, anche solo tra diverse tonalità di bianco, può dare una nuova luce al tuo look. Per esempio, una giacchetta di pelle color panna, si sposa meravigliosamente con una maglietta in pizzo bianco base. Naturalmente questo fattore risulta essere personale e, proprio per questo, varia a seconda dei gusti, delle preferenze, delle esigenze e delle necessità del singolo individuo. Il bianco, inoltre, si può suddividere in varie gradazioni: avorio, antico, zinco, fantasma, floreale, fumo, latte ed il navajo, ma più tendente già al giallo. È importantissimo evitare di indossare le medesime tonalità di bianco per evitare di creare un effetto troppo pungente e sgradevole alla vista.
  • Terzo passo: rilevanti sono anche gli accessori, che donano un tocco di unicità alla persona. Con questo termine intendiamo orecchini, cinture, cappelli, e, al contempo, occhiali, guanti, bracciali, collane, spille e ventagli. Sono aspetti che devono essere, assolutamente, presi in considerazione per conferire all'abbigliamento sportivo un tocco di classe e per ottenere abbinamenti che seguano le tendenze del momento.
  • Quarto passo: una donna non è completa senza le scarpe giuste. Solitamente, però, per non sembrare trash o fuori luogo, vige una regola precisa. Con le gonne lunghe è bene portare tacchi alti, che slanciano la figura, mentre con quelle più corte è consigliato scegliere le flat, quindi scarpe a tacco basso come sandali o ballerine. Tuttavia, per un vero look sporty chic, è perfetto indossare sneakers o décolleté.
  • Quinto passo: infine, presentati al meglio anche inserendo oggetti che possano differenziarti, come la pochette, preferibilmente firmata se presente nel tuo armadio.
Leggi di più →